Cosa sono i Club Acat

L’elemento fondante del metodo del Prof. Hudolin per i problemi alcol correlati e complessi si basa sul lavoro delle famiglie nei club.

Il Prof. Vladimir Hudolin, psichiatra croato, ha sintetizzato un ‘metodo’ contro l’alcolismo che principalmente si pone l’obbiettivo di ‘fare smettere di bere’ ma, come fine ultimo, quello di proseguire nel suo percorso interiore di sobrietà permanente per tutta la famiglia.

L’obbiettivo è quello di smettere per sempre di bere e di assumere sonstanze psicotrope che troppo spesso sono associate all’alcol.

I club sono frequentati  dagli alcolisti e dale famiglie degli alcolisti insieme.

I club si basano su un principio ecologico-sociale, dinamico e aperto ai cambiamenti, che si modifica continuamente, configurandosi in una longitudinale dinamica di sviluppo.

Lo sviluppo dei club è condizionato dalla necessità di trovare un modo più efficace di trattare le famiglie nel cui ambito insorgono problemi alcolcorrelati e complessi.

La bibliografia presenta quasi 50 differenti approci oggi e il metodo Hudolin è solo uno di questi.

L’approccio ecologico sociale è molto dinamico, e cambia sotto l’influenza di un gran numero di fattori esterni, tenuti in base a:

  • ricerche scientifiche
  • la legislazione sanitaria
  • le condizioni politiche sociali
  • le esperienze pratiche (principalmente).

Anche se necessario, il coordinamento del lavoro dei club degli alcolisti in trattamento incontra numerose e varie difficoltà.

I Cat (Club degli alcolisti in trattamento) sono concepiti come comunità multifamiliari composte da un numero massimo di 12 famiglie in continuo cambiamento dello stile di vita, di crescita.

Si deve ricordare che il CAT viene sottoposto a una suddivisione dopo l’entrata della tredicesima famiglia.

L’autonomia dei club non può causare una serie di problemi concernenti i rapporti con l’associazione della quale i Club fanno parte e con i servizi pubblici con i quali devono collaborare.

Azioni pubbliche e private cercano spesso di prevaricare club.

Nonostante tutto questo l’autonomia dei club è una condizione preliminare fondamnetale per la sua attività, per la crescita e la maturazione delle famiglie che ne fanno parte.

Crescita e maturazione dell’alcolista e della sua famiglia cominciano nel club, ma si realizzano a casa e nell’ambito della comunità locale, gli operatori pubblici, le famiglie stesse, tendono spesso a trasformare i club in un gruppo chiuso in cui si organizza la cura.

La riabilitazione dipende in parte della Formazione classica e dell’atteggiamento dei quadri medici e dalla cultura sanitaria prevalente nella comunità territoriale.

I club sono comunità che riuniscono persone e famiglie differenti per sesso, età, educazione, professione, comportamento verso gli alcolici e gli stili di vita.

E’comune a tutti i membri del club solamente il problema alcol.

Alcuni pensano che i club andrebbero organizzati in base alla caratteristica predeterminante dei membri e del livello sociale di essi: questo è un errore in quanto la società deve essere il più possibile rppresentata all’interno del metodo e dei club.

Il club deve essere una esperienza reale, multifamiliare, di confronto.

Come base a un concetto che vede i problemi alcol-correlati come tipi di comportamento diversi, differenti, difficoltà causate da relazione difficile da interazioni di sistemi ecologici nella famiglia, nella comunità locale e nel gruppo di lavoro.

Ne segue che l’intero sistema, nel cui ambito rientra l’alcolista, deve fare parte del trattamento, non perché costituito da malati alienati, ma come parte della Comunità a pieno diritto.

Secondo la teoria ecologico sociale, il consumo degli alcolici è un tipo di comportamento.

È più facile, sia per gli operatori professionali preparati in modo tradizionale che per le famiglie, accettare il concetto dell’alcolismo come malattia.

Questo atteggiamento libera da ogni responsabilità e riduce al minimo la partecipazione attiva al trattamento.

Per questa ragione il termine terapeuta all’inizio veniva usato ma sostituito poi da servitore insegnante del Club.

Il termine terapeuta venne abbandonato in quanto non  ci fu la necessità di curare nulla in quanto l’alcolismo non viene definito come malattia ma come disturbo del comportamento.

I Club sono organizzati a scopo di realizzare e psichiatrizzare il trattamento è di assicurare una libera crescita e maturazione di tutti i membri.

Il servitore insegnante come catalizzatore può aiutare e facilitare il processo di cambiamento del comportamento del famiglia ma non può curare le malattie indotte e secondarie causate dall’alcolismo.

Il Club si riunisce una volta alla settimana, di regola per 1,5 ore.

A turno i membri parlano e dicono cio che vogliono ed eventualmente alla fine del loro intervento gli altri membri interagiscono se lo credono opportuno.

Un membro alla volta, a turno, stila il verbale della seduta dove si segnano i presenti e gli argomenti principali che servira eventualmente come traccia per il conduttore la volta seguente.

Chi scrive il verbale ha facoltà di gestire sequenza e tempi del club successivo e si definisce il ‘Conduttore’.

Il verbale è un forte catalizzatore del processo di maturazione della persona.

I club possono essere composti da massimo 12 famiglie, oltre è necessaria la divisione in due club di  famiglie pronte per crescere ancora a 12.

Alcohol Prevention Day 2019

OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL

15/5/2019 – Alcohol Prevention Day 2019

Consumo di alcol e politiche di prevenzione: le schede informative di 30 Paesi europei

Si stima che, nel 2017, circa 35 milioni di italiani e italiane hanno consumato bevande alcoliche e tra questi circa 12 milioni l’ha fatto su base quotidiana; 5,5 milioni eccedono le linee guida di consumo e 8,6 milioni lo fanno secondo modalità a rischio per la salute.

Le analisi effettuate dall’Osservatorio nazionale alcol (Ona) dell’Istituto superiore di sanità (Iss), elaborando i dati Istat 2017, acquisiti e trasmessi dal ministro della Salute nella Relazione annuale al Parlamento e presentati in occasione dell’Alcohol Prevention Day 2019 (Apd), sottolineano anche che il 14,8% degli uomini e il 5,9% delle donne di età superiore a 11 anni hanno ecceduto abitualmente nel consumare bevande alcoliche per un totale di circa 5 milioni e 600 mila persone. La percentuale più elevata per entrambi i sessi, si rileva tra gli adolescenti di 16-17 anni e tra gli anziani ultra 65enni. Riguardo al binge drinking (il consumo eccessivo episodico), la prevalenza dei consumatori che hanno dichiarato di aver consumato 6 o più bicchieri di bevande alcoliche in un’unica occasione almeno una volta negli ultimi 12 mesi è pari a 11,5% tra gli uomini e 3,4% tra le donne e identifica 4 milioni di binge drinker di età superiore a 11 anni, con una frequenza che cambia a seconda del genere e della classe di età. Le percentuali di questo tipo di consumatore, infatti, aumentano nell’adolescenza e raggiungono i valori massimi tra i 18-24enni per poi diminuire nuovamente nelle età più anziane. Inoltre, la percentuale di binge drinker di sesso maschile è statisticamente superiore al sesso femminile in ogni classe di età ad eccezione dei minorenni, fascia di popolazione per la quale la percentuale dovrebbe essere zero a causa del divieto per legge della vendita e somministrazione di bevande alcoliche.

I dati, pubblicati all’interno del rapporto Istisan 19/5 “Epidemiologia e monitoraggio alcol-correlato in Italia e nelle Regioni. Valutazione dell’Osservatorio Nazionale Alcol sull’impatto del consumo di alcol ai fini dell’implementazione delle attività del Piano Nazionale Alcol e Salute. Rapporto 2019” sono stati presentati il 15 maggio 2019 in occasione dell’Alcohol Prevention Day 2019 (Apd).

Il convegno, giunto alla diciottesima edizione, è stato sostenuto e finanziato dal ministero della Salute e svolto e promosso in stretta collaborazione con la Società italiana di alcologia (Sia), l’Associazione italiana club alcologici territoriali (Aicat) e Eurocare.

In occasione della Giornata l’Osservatorio nazionale alcol ha anche presentato una serie di documenti e materiali di prevenzione atti a favorire e supportare una adeguata cultura di prevenzione basata su livelli più elevati di tutela della salute, di consapevolezza e di responsabilità individuale e sociale:

PER APPROFONDIRE CONSULTA:

Fact sheet: il consumo rischioso di alcol negli anziani

Il consumo rischioso di alcol negli anziani è un problema reale che va affrontato con urgenza per oltre 2.700.000 ultra 65enni. Gli anziani sono considerati uno dei target più sensibili della popolazione ai rischi causati dal consumo di alcol. Con l’avanzare dell’età, infatti, si diventa più suscettibili agli effetti del consumo di alcol in un periodo della vita in cui è più elevata la presenza di una o più malattie, e più frequente l’uso di farmaci incompatibili con il consumo di alcolici. Leggi: le “Fact Sheet sul consumo rischioso di alcol negli anziani” (pdf 776 kb).

Fact sheet: la mortalità causata dall’alcol in Italia

I decessi “totalmente alcol-attribuibili” sono quelle morti, in accordo con la Classificazione internazionale delle malattie (International Classification of Disease – ICD10), causate da patologie totalmente determinate dal consumo di alcol. In Italia, la stima della mortalità parzialmente alcol-attribuibile pari a 17 mila decessi anni causati dall’alcol, oggetto di elaborazione quinquennale da parte dell’Ona-Iss sulla base di una metodologia internazionale in continua evoluzione, risulta sostanzialmente confermata dai 14.080 elaborati per il 2016 in collaborazione con l’Oms riferita alle tre principali cause di decesso alcol-correlato: cancro (7852 morti), cirrosi epatica (5209), incidenti stradali alcol-correlati (1019). Leggi: le “La mortalità causata dall’alcol in Italia. Analisi delle tendenze di una causa evitabile di mortalità prematura, disabilità e malattie croniche” (pdf 883 kb).

Ministro Grillo potenzierà servizi e formazione contro l’alcolismo


Il Ministro Grillo ha presentato una relazione al Senato circa lo stato dell’arte della situazione delle risposte istituzionali al GAP (gioco d’azzardo patologico) e all’alcolismo

Si deve dare una risposta chiara ad una legge, la 25 del 30 03 2001—>

Legge quadro in materia di alcol e problemi alcolcorrelati, che ancora dopo quasi 20 anni lascia un vuoto normativo relativo a chi spetta intervenire contro le dipendenze alcoliche ed i vari problemi alcol-correlati.

Il Ministro cita come possibile risoluzione nell’ immediato i gruppi di auto mutuo aiuto come i CAT –> centri alcologici territoriali come la nostra ACAT Parma.

In particolare: ‘I CAT lavorano secondo i principi ed i metodi dell’approcio sitemico (sistema ecologico-sociale ndr) multifamigliare, promuovendo la partecipazione diretta e responsabile di tutti i membri di una famiglia e della rete relazionale della prossima nella sofferenza (auto mutuo aiuto), nei disagi e nei disturbi correlati al consumo di alcol o al consumo di altre sostanze’.

In pratica riconosce i Centri alcologici territoriali come prosecuzione della ‘terapia’ di risoluzione e mantenimento per il problema dell’alcolismo e derivati (droga, psicofarmaci e gioco d’azzardo).

La terapia’ multifamgliare di auto mutuo aiuto non solo si verfica efficace per il 75/80% del casi ma si identifica come psicotrope-free ed a bassissimo costo, senza effetti collaterali.

Inoltre, prosegue il Ministro Grillo, ‘la metodologia stimola un processo di cambiamento di stile di vita orientato alla riconquista della propria salute e libertà’.

‘Il CAT non si presenta come luogo di terapia ed opera sulla base dell’assunto che l’uso di alcol non è una patologia ma un tipo di comportamento’.

La metodologia ecologico sociale si rapporta principalmente con la ‘persona’ e la mette al centro di tutto il ‘Sitema’ che viene modificato attraverso le scelte della stessa.

https://aicat.net/metodologia/

Da qui la modifica dell’ambiente e dello stile di vita di ognuno..