Ansia ed Alcol

Ansia e Alcool: il ruolo dell’ansia sociale nello sviluppo dell’alcolismo

Un recente studio mostra come l’ansia sociale è il maggior predittore dell’alcolismo rispetto agli altri disturbi d’ansia

  L’alcolismo spesso costituisce una risposta alle situazioni che generano ansia. Tuttavia esistono diverse tipologie di disturbi d’ansia: qual è in particolare il ruolo dell’ ansia socialenell’uso o abuso di alcol?

Erica Ben

Di tutti i disturbi d’ansia, l’ ansia sociale risulterebbe avere un effetto diretto sul rischio di sviluppare una dipendenza da alcol.

Lo indica una nuova ricerca della Norwegian Institute of Public Health.

Attraverso la somministrazione di interviste semi-strutturate ad un campione di 2,801 gemelli adulti, i ricercatori del presente studio hanno valutato la correlazione tra alcolismo, disturbo di ansia sociale, disturbo d’ansia generalizzata, disturbo da attacchi di panico, agorafobia e fobie specifiche. Ciò che è emerso è che, tra le diverse tipologie di disturbi d’ansia, il disturbo di ansia sociale è quello che aveva una più forte correlazione con l’ alcolismo.

Nello studio, il disturbo di ansia sociale ha infatti predetto la presenza di sintomi collegabili all’ alcolismo in maniera nettamente superiore rispetto agli altri disturbi d’ansia. In aggiunta, questa tipologia di distubo è risultata correlata a un più alto rischio di sviluppare successivamente una dipendenza da alcol. Non è stato lo stesso per gli altri disturbi d’ansia.

In conclusione

Questi risultati suggeriscono che gli interventi tesi alla prevenzione o al trattamento dell’ ansia socialepotrebbero avere un ulteriore effetto benefico nella prevenzione dell’ alcolismo.

Secondo i ricercatori, è fondamentale riconoscere che molti individui che soffrono di questa tipologia di disturbo non sono in trattamento: questo vuol dire che abbiamo un potenziale sottoutilizzato, non solo per la riduzione dell’enorme quantità di diagnosi di ansia sociale, ma anche per la prevenzione di problemi relativi all’ alcolismo in comorbilità con tale disturbo.

A tal proposito, la terapia cognitivo-comportamentale e le sue esposizioni controllate alle situazioni temute ha mostrato ottimi risultati.

 

Incontro a Trieste per i 40 anni del primo club degli alcolisti in trattamento (CAT) in 9 novembre 2019

Alcol, anche quello passivo fa male

Bevitori moderati ed alcolisti: esiste una differenza?

Ministro Grillo potenzierà servizi e formazione contro l’alcolismo


Il Ministro Grillo ha presentato una relazione al Senato circa lo stato dell’arte della situazione delle risposte istituzionali al GAP (gioco d’azzardo patologico) e all’alcolismo

Si deve dare una risposta chiara ad una legge, la 25 del 30 03 2001—>

Legge quadro in materia di alcol e problemi alcolcorrelati, che ancora dopo quasi 20 anni lascia un vuoto normativo relativo a chi spetta intervenire contro le dipendenze alcoliche ed i vari problemi alcol-correlati.

Il Ministro cita come possibile risoluzione nell’ immediato i gruppi di auto mutuo aiuto come i CAT –> centri alcologici territoriali come la nostra ACAT Parma.

In particolare: ‘I CAT lavorano secondo i principi ed i metodi dell’approcio sitemico (sistema ecologico-sociale ndr) multifamigliare, promuovendo la partecipazione diretta e responsabile di tutti i membri di una famiglia e della rete relazionale della prossima nella sofferenza (auto mutuo aiuto), nei disagi e nei disturbi correlati al consumo di alcol o al consumo di altre sostanze’.

In pratica riconosce i Centri alcologici territoriali come prosecuzione della ‘terapia’ di risoluzione e mantenimento per il problema dell’alcolismo e derivati (droga, psicofarmaci e gioco d’azzardo).

La terapia’ multifamgliare di auto mutuo aiuto non solo si verfica efficace per il 75/80% del casi ma si identifica come psicotrope-free ed a bassissimo costo, senza effetti collaterali.

Inoltre, prosegue il Ministro Grillo, ‘la metodologia stimola un processo di cambiamento di stile di vita orientato alla riconquista della propria salute e libertà’.

‘Il CAT non si presenta come luogo di terapia ed opera sulla base dell’assunto che l’uso di alcol non è una patologia ma un tipo di comportamento’.

La metodologia ecologico sociale si rapporta principalmente con la ‘persona’ e la mette al centro di tutto il ‘Sitema’ che viene modificato attraverso le scelte della stessa.

https://aicat.net/metodologia/

Da qui la modifica dell’ambiente e dello stile di vita di ognuno..